HOTEL CONSIGLIATI A Oulx

Oberje Dla Viere



Vai al Sito

Hotel Chez Toi



Vai al Sito


Vacanze e Info su OULX

Oulx è un comune della Val di Susa, situato a 1100 sopra il livello del mare, posto alla confluenza della Dora di Cesana con la Dora di Bardonecchia, dominato dal monte Seguret, che con i suoi 2910 metri rappresenta l'unico esempio di roccia dolomitica presente in Val di Susa. Olux vanta antiche origine storiche ancora prima dei romani. Il paese si suddivide in tre borghi: Borgo superiore, Borgo inferiore e Abadia. Il Borgo Superiore è stato fino all'Ottocento il vero centro del paese.

Lungo Via Des Ambrois sorgono un'antica fontana, il vecchio edificio comunale, la vecchia caserma Alberto Picco, alcune delle case dei notabili della città (le case Bermond, Odiard-Des Ambrois e casa Gally, quest'ultima di epoca medievale) che sono tra gli edifici più belli di Oulx. Sicuramente da visitare la chiesa parrocchiale di S.Maria Assunta, costruita nell’Ottocento sopra un edificio romanico.

Molto bello l’altare maggiore in stile barocco. Poco distante dalla chiesa si erge la torre del finale, detta anche saracena, risalente al XIII - XIV sec. Il borgo Inferiore è il centro amministrativo e commerciale del comune, infatti qui ha sede il comune. Nella grande Piazza Garambois vi è una bella fontana del 1531, un tempo situata all'incrocio tra Via Vittorio Emanuele e Via Roma.

Questa è molto importante perché vi hanno sede le fiere annuali, più importante e famosa fra tutte la fiera franca. Tale fiera ha origini secolari da quando Carlo VII concesse una fiera senza imposte per ricompensa dei danni causati dal passaggio delle sue truppe. All'incrocio tra Via Rolland e Via Roma è possibile ammirare l'architettura di casa Ambrosiani. Abadia è collegata al Piano attraverso il Ponte Ange Gardien presso il quale sorgeva l'omonima chiesa appartenuta alla Prevostura.

Fino alla prima metà dell'Ottocento il borgo era costituito solamente da poche case e dal piccolo nucleo dell'antica Prevostura di San Lorenzo, nata nell'XI secolo e soppressa nel 1749. Adesso il luogo è curato dai Padri Salesiani. Oggi grazie alla ferrovia e al traforo del Frejus il borgo è cresciuto enormente. Il comune oltre ad offrire un importante patrimonio storico è meta ideale per gli amanti della natura grazie alla sua vicinanza al Parco Naturale del Gran Bosco di Salbertrand.

E' stato istituito nel 1980 principalmente per proteggere la rigogliosa vegetazione ed in particolare le pregiate abetine e gli estesi larici-cembreti. Le oltre 600 specie vegetali censite creano una varietà di ambienti con una fauna anch'essa particolarmente ricca di circa 70 specie di uccelli nidificanti e 21 specie di mammiferi, tra le quali dominano cervi, caprioli e camosci.

Sauze d'Oulx

Sauze d'Oulx si trova in Alta Valle Susa a quota 1510 m., circondata dalle cime dei monti Triplex, Bourget e Generis, a 83 Km da Torino. Viene definita il "balcone delle Alpi" ed è la meta ideale per gli amanti degli sport invernali oltre ad essere un rinomato e confortevole luogo di soggiorno.

Il comune di Sauze d’Oulx fa parte del comprensorio sciistico della Vialattea: oltre 140 piste, tutte collegate sci ai piedi , per un'estensione lineare di 400 Km e 92 impianti di risalita che spaziano dai 1350 ai 2800 metri.

L'area sciistica di Sauze d'Oulx si estende su oltre 100 Km di piste che variano tra piste in quota e piste nel bosco di tutti gradi di difficoltà. L’importanza e la bellezza di queste montagne è confermata dal fatto che Sauze d’Oulx ha ospitato le gare di freestyle delle Olimpiadi invernali di Torino 2006. D’estate Sauze d'Oulx è attrezzata per praticare il trekking, sia a piedi che in mountain bike, andare a cavallo, a pesca, o giocare a tennis. I buongustai potranno invece deliziarsi il palato con i prodotti tipici locali come il formaggio d’alpeggio, la saporita selvaggina o i prodotti del sottobosco.

Il centro, tra palazzoni e alberghi, ha mantenuto il minuscolo borgo originario con la parrocchiale di San Giovanni Battista del Cinquecento ed è stato valorizzato con le finestre delle vecchie case “dipinte” da artisti piemontesi.

La parrocchiale risale al 1500: al suo interno l'altare maggiore è caratterizzato da un riquadro di colonne in legno intagliato che incorniciano l'immagine del battesimo di Cristo. Sul fonte battesimale è scolpito lo stemma dei Delfini di Francia. Sul campanile, in stile pseudo-romanico si erge un'altissima cuspide centrale a sezione ottagonale impreziosita da quattro guglie triangolari assai piccole.

Da visitare nella frazione di Jouvenceaux la cappella di S’Antonio Abate, preziosa per i suoi affreschi risalenti a fine Quattrocento e attribuiti alla scuola pittorica dei fratelli Serra. Tali affreschi rappresentano il Giudizio Universale, la Gerusalemme Celeste, San Michele, l' Annunciazione la Buona e la Cattiva Comunione, Sant Antonio, la Confessione e San Cristoforo. Ad ovest del Gran Bosco di Salbertrand, Sauze ospita anche la stazione alpina sperimentale Vezzani, consorzio per la ricerca agricola e zootecnica.